Notifica SCIP obbligatoria da gennaio 2021

Data di pubblicazione: 08 Marzo 2021

SCIP è una nuova banca dati per i consumatori sulle sostanze chimiche estremamente preoccupanti (SVHC) presenti negli articoli, volta a promuovere la sostituzione di dette sostanze pericolose.

Le aziende che immettono sul mercato articoli contenenti sostanze estremamente preoccupanti (SVHC) in concentrazione superiore allo 0,1% in peso, devono notificare tali informazioni all’Agenzia Europea sulle Sostanze Chimiche (ECHA) a partire dal 5 Gennaio 2021.

 

Già dal 2006 il regolamento REACH (articolo 33) imponeva di tenere sott’occhio la lista delle sostanze SVHC (https://echa.europa.eu/it/candidate-list-table) e di dare notizia proattivamente al cliente B2B o, su richiesta, al cliente al dettaglio, della presenza di sostanze preoccupanti.

Occorre ricordare, infatti, che ai sensi del regolamento REACH, i consumatori hanno il diritto di essere informati in merito alle sostanze estremamente preoccupanti contenute nei prodotti che acquistano. SCIP [Substances of Concern In articles as such or in complex objects (Products)] è il database per le informazioni sulle sostanze potenzialmente pericolose negli articoli in quanto tali o in oggetti complessi (prodotti), stabilito ai sensi della direttiva quadro sui rifiuti (2008/98/CE). La maggiore trasparenza sulle sostanze pericolose aiuterà i consumatori a compiere scelte più consapevoli quando acquistano i prodotti e offre informazioni su come utilizzare e smaltire al meglio tali prodotti.

Lo scopo, dunque, è quello di avere informazioni sui materiali e sulle sostanze pericolose contenuti in essi in un ottica di circolarità. Cioè l’oggetto che produco diventerà presto o tardi un rifiuto, il rifiuto diventerà presto o tardi materia prima ed è qui che le informazioni saranno determinanti per chiudere il cerchio.

 

CHI È COINVOLTO?

  • Fabbricanti e assemblatori con sede nella UE
  • Importatori con sede nella UE
  • Operatori commerciali con sede nell’UE e altri attori della catena di approvvigionamento

Non sono coinvolti, invece, i dettaglianti e gli altri operatori della catena di approvvigionamento che forniscono prodotti solo direttamente ai consumatori, in quanto non sono soggetti all’obbligo di fornire informazioni alla banca dati SCIP.

Fondamentale è comprendere, pertanto, se e in che modo i vostri materiali sono soggetti alla notifica SCIP, col fine di evitare problematiche di fornitura, rivendicazioni legali o resi per materiale privo di notifica.

Lo Studio DALSi offre il supporto tecnico per valutare la presenza o meno delle sostanze SVHC all'interno dei vostri materiali, la definzione delle famiglie-componenti-articoli coinvolti dalla notifica fino alla registrazione sul portale della Comunità Europe ECHA.

Contattate, senza impegno, il nostro servizio clienti 0163 806024 o scrivete direttettamente a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Chi Siamo

studiodalsi
Per richiedere una consulenza, per prenotare un servizio tecnico o formativo oppure per avere informazioni, clicca qui: contatti.
call me
Cerchi un consulente professionale per velocizzare le tue certificazioni aziendali? Telefonaci: 0163.806024

Certificati e Partners

Confederazione Artigianato e PMISistema di Gestione Qualità CertificatoArs Edizioni Informatichelogo4_supporti.jpg

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per garantirne il corretto funzionamento e per fornirti un servizio migliore. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui: Cookie Policy.